Radio Nettuno

Equitazione – Il “Memorial Dalla Chiesa” ha preso oggi il via al GESE

4 Dicembre 2014
Equitazione – Il “Memorial Dalla Chiesa” ha preso oggi il via al GESE

Si è ufficialmente aperta questa mattina la 23esima edizione del Memorial dalla Chiesa. La manifestazione che all’insegna dello sport e della solidarietà – parte del ricavato va alla Fondazione Setti Carraro dalla Chiesa per la cura delle malattie croniche dell’infanzia- onora la memoria di un uomo speciale, simbolo di legalità e giustizia. Due valori che in un paese come l’Italia, dove gli anni sembrano passare invano, dove corruzione e mafie di vario genere continuano a devastare il vivere civile, hanno sempre bisogno di essere riaffermati con forza.
Per questa pluralità di significati e per il livello agonistico del concorso, sempre spettacolare, il Master è un appuntamento da non mancare anche per chi non è solito frequentare i campi di salto ostacoli. Solo i vincitori delle passate edizioni e i migliori cavalieri dell’anno, infatti, sono ammessi a partecipare alla kermesse.
E sono tanti i nomi eccellenti tra gli oltre trecento cavalieri impegnati nelle competizioni, che si concluderanno domenica con l’elezione del campione 2014. A partire da Arnaldo Bologni, che con tre successi detiene il record di vittorie del Master, e poi Filippo Moyersoen, Natale Chiaudani, Mirco Casadei, Juan Carlos Garcia, l’assistente capo Vincenzo Chimirri, gli appuntati scelti Massimo Grossato e Bruno Chimirri,, il 1° aviere scelto Emilio Bicocchi, Fernando Fourcade, Marco Porro, Alessia Marioni, Francesca Capponi, Andrea Riffeser Monti, Andrea Messersì, Cristian Pitzianti, Enrico Maria Frana, Luca Calabro.
Anche tra i giovani ci sono i più forti del momento, come il carabiniere Filippo Bologni, l’agente della Polizia di Stato Federico Ciriesi, Francesca Ciriesi e Andrea Campagnaro. Assente giustificato, invece, il campione in carica Gianni Govoni: «L’anno scorso ero davvero molto contento del primo posto nel Gran Premio in sella a Winn Winn – ricorda –. Il Master è un concorso prestigioso e non lo avevo mai vinto, anche se ero arrivato secondo un paio di volte. Ma quest’anno guardo i miei colleghi dalla tribuna, in scuderia ho soggetti troppo giovani per un impegno di questa portata».
«Non mi annoierò comunque – conclude Govoni -: il Memorial dalla Chiesa è sempre molto combattuto, il barrage è tiratissimo e se si guarda l’albo d’oro salta agli occhi che non ha mai vinto uno sprovveduto. Sono tutti nomi importanti, non è mai successo che qualcuno vincesse per caso».
Nell’attesa di sapere quale sarà il prossimo campione a scrivere il suo nome nell’albo d’oro, ad aggiudicarsi la gara di apertura del Master d’Italia, il premio “Monrif Net” (categoria 135 a tempo, montepremi di 1.500,00 euro) è stato Mirco Casadei, già vincitore del Memorial per ben due volte, nel 2005 e nel 2007. Il campione bolognese in sella ad Aqua Fresh ha chiuso la gara con zero penalità nel tempo di 55,58 secondi. Troppo veloce per Natale Chiaudani, che in sella a Sly della Magnifica (0; 56,81) si è dovuto accontentare della seconda piazza. Terzo posto per l’appuntato scelto Massimo Grossato, in sella a Unique d’Hyrencourt (0; 58,20). 
Il premio “Igp Decaux”, prima prova dello Small Tour (categoria 125 a fasi consecutive, montepremi 1.200,00 euro) invece è stato appannaggio dello young rider Francesco Morici in sella a Red Passion (0/0; 26,16). Piazza d’onore per Valentina Eleuteri su Zespri (0/0; 26,80) e anche sul terzo gradino del podio è salita un’amazzone, la young rider Lisa Luise con Simsalabim (0/0; 27,44). I primi quindici classificati hanno ottenuto la qualifica alla finale dello Small Tour che si disputerà domenica.
Domani le gare inizieranno alle 9,30 con il premio “Emilianauto Bologna”, categoria 135 mista (montepremi 2.100,00 euro). Alle 12,30 partirà la gara clou della giornata: il premio “Cartotecnica Maga”, categoria 140 a fasi consecutive (montepremi 4.000,00 euro), che varrà come prova di qualificazione per il Gran Premio di domenica.
Infine, alle 16 chiuderà la giornata la seconda prova dello Small Tour, premio “Ettore Maurizzi” intitolato al patron della Pegus scomparso il primo ottobre 2011. Con questa categoria 125 a tempo (montepremi 1.200,00 euro) il figlio Omer e il Gese vogliono ricordare il caro Ettore in un modo che sicuramente a lui sarebbe piaciuto. La sua presenza affabile e simpatica manca molto a tutto il mondo dei cavalli. 
Tutti i percorsi sono disegnati dal direttore di campo Pier Francesco Bazzocchi. L’ingresso al centro è libero. Per tutte le classifiche si può visitare il sito: www.touchofclass.it

Ti piace questo articolo? Condividilo!