Radio Nettuno

DNC – Al Castiglione Murri va il superderby contro la Bsl

2 Febbraio 2013

DIVISIONE NAZIONALE C GIRONE D

CASTIGLIONE MURRI – JATO 82 – 74
(19-13, 42-34, 63-56)
Castiglione Murri: Flamini, Ventura 1, Riguzzi 15, Chiarini 18, Mini 9, Iattoni 19, Beccari 5, Lugli, Martelli 4, Albertini 11. All. Carretto.
Bsl San Lazzaro: Gianasi 14, Verardi 8, Maccaferri 6, Rambelli, Rossi 11, Miceli ne, Lollini 27, Zanellati ne, Bianchi 8, Pistacchio ne. All. Bettazzi.

Ottimo basket e spettacolo al Cierrebì di Bologna, dove il Castiglione Murri supera San Lazzaro per 82-74, facendo suo il big match della terza giornata di ritorno. L’inizio della partita è equilibrato con Maccaferri e Gianasi che regalano alla squadra di Bettazzi (4-6) quello che sarà l’unico vantaggio del match. Il Castiglione Murri è infatti bravo a riprendere in mano l’inerzia della partita, pareggiando con una tripla di Mini sul 7-7 e portandosi avanti con Iattoni (13-7), Martelli (17-9) su assist di Mini, e Beccari (19-11), prima che Lollini sigli dai liberi il 19-13 della prima sirena. In grande evidenza il play biancoblu Filippo Riguzzi, fondamentale con le sue accelerazioni, i suoi assist, ben 5 in partita, e la sua incisività in attacco. Nel secondo quarto i padroni di casa allungano con le triple di Chiarini (25-15), ma Bianchi, Verardi ed un grande Lollini, top scorer del match con 27 punti, tengono San Lazzaro in partita (25-22). Tocca a Iattoni, a Mini ed Albertini aumentare il vantaggio del Castiglione Murri (35-27) che con la tripla di Beccari arriva all’intervallo sul 42-34. Nel terzo quarto Albertini e Riguzzi riportano sul +11 (45-34) i biancoblu che, quando Gianasi esce per un infortunio muscolare, possono aumentare il vantaggio con un grande Riguzzi (50-36). La partita è bella da vedere e ben giocata da entrambe le parti. Rossi e Lollini continuano a spingere, ma Riguzzi, alla migliore prestazione stagionale, e Chiarini permettono al Castiglione Murri di mantenere un buon margine di vantaggio (63-56). I giocatori di entrambe le squadre regalano spettacolo. Bianchi schiaccia per San Lazzaro il pallone del 65-58 e Chiarini continua ad essere preciso dalla lunga distanza per il Castiglione Murri, incrementando il suo score personale e dando tranquillità alla propria squadra (71-61). Nel finale standing ovation concessa da Carretto a Riguzzi e Iattoni che escono tra gli applausi per Flamini e Ventura, che bagna la sua prestazione con un punto realizzato ai liberi.

DADO – BMR 73 – 77
(12-14; 34-31; 46-54)
San Marino: Macina ne, Zannoni 2, Saccani 10, Marisi 6, Agostini 14, Cardinali 12, Casadei 6, Benzi 14, Zanotti 9, Polverelli. All. Del Bianco.
Scandiano: Astolfi 8, Iori A 3, Bettelli, Pulvirenti 6, Gruosso 10, Pezzi 13, Montanari 21, Spaggiari, Iori F 16, Levinskis ne. All. Volpato.

Nel pomeriggio iniziato con una bella festa del Minibasket sammarinese, prosegue la striscia negativa dei Titans con una brutta sconfitta interna contro Scandiano; una pessima serata sul lato che sembrava l’unica certezza consolidata del gruppo, quello difensivo, grossissime difficoltà a contenere le incursioni di Francesco Iori, che la vince nell’ultimo quarto con alcune soluzioni di pregevole fattura, ma tutte uguali, e le conclusioni di Luca Montanari, lungo atipico, lasciato finalizzare piuttosto liberamente da dove predilige, dove vale tre. Preoccupano alcuni black-out nervosi dei ragazzi più esperti, che dovrebbero guidare il gruppo in una fase emotivamente difficile e tra i quali emerge unicamente la presenza costante vicino a canestro di Dimitri Agostini, di gran lunga il più convinto ed intenso, 14+11, inclusi il canestro che già all’interno dell’ultimo giro di lancette permetteva il sorpasso (73-72) in rimonta dal disperato 59-70 del 37′ e la conclusione del possibile overtime (sul 73-75) in prossimità della sirena, viziata da un evidente fallo degli ospiti misteriosamente non sanzionato. Questa gara poteva permettere di riavvicinare le zone medie del ranking ed invece ricaccia indietro i titani. La partita sembrava nella prima metà di potere essere gestita in normale amministrazione, anche 32-25 Dado poco prima del riposo, con tre buone realizzazioni sull’asse Casadei-Zanotti, ma quando San Marino ha tutto il vento a favore, è specialista in naufragi epici.

PISARUM 2000 – ORVA 51 – 64
(14-13, 23-26; 34-44)
Pisarum 2000 Pesaro: Bertoni 11, Bianchi 3, Cercolani, Kosanovic 2, Testa 5, Vichi 7, Panzieri 4, Cambrini 11, Giacomini, Filippetti 8. All. Foglietti.
Lugo: Poluzzi 4, Paluan 12, Legnani 12, Chiappelli 9, Negri 11, Montanari 10, Pasquali, Olivieri 6, Bazzocchi, Scardovi. All. Ortasi.

SIGMA – GIULIANOVA 65 – 61

(21-20, 33-39, 54-44)

Imola: Sassi ne, Pieri 1, Grandolfi ne, Corazza 7, Grillini 11, Di Placido, Cirla, Massari 8, Guglielmo 16, Porcellini 22. All. Zarifi.

Giulianova: Iagrosso 11, Pira 7, Cianella 6, Sacripante 7, Scarpetti ne, Papa ne, Marzoli 15, Travaglini ne, Elia 2, Gallerini 13. All. Alessandrini.

Doveva essere big match e big match è stato. Una partita emozionante, vibrante, in bilico fino agli ultimi secondi di gara. Alla fine, ed è giusto così, fa festa la Sigma di Guglielmo e compagni, più fredda nei momenti decisivi e trascinata da un Porcellini ancora una volta in formato superstar. Siamo abituati alle partenze soft della Virtus – spesso e volentieri culminate con grandi rimonte, è vero – ma uno 0-8 dopo meno di due minuti proprio non ce l’aspettavamo. Fortuna vuole che, richiamata subito all’ordine da coach Zarifi, Imola inizi a macinare presto il suo gioco e, col binomio Grillini-Guglielmo, pareggi i conti e passi in vantaggio in fretta. Morale della favola? Dopo lo spavento iniziale, i gialloneri piazzano un 13-0 che obbliga mister Alessandrini ad un frettoloso timeout. Timeout che sortisce l’effetto sperato e riavvicina gli abruzzesi a Imola, comunque brava a mantenere le testa avanti: 21-20 alla prima sirena. Il secondo quarto inizia all’insegna dell’equilibrio. Nessuna delle due squadre sembra voler spingere del tutto sull’acceleratore, ma lo spettacolo non ne risente. Grillini e Iagrosso fanno a gara di tiro da tre punti, Pieri e Marzoli ingaggiano uno spettacolare duello in difesa. Il guanto di sfida lo lanciano Iagrosso e Sacripanti che, con quattro canestri in rapida sequenza (e con un Marzoli superlativo), spezzano in due il match. La bomba di Guglielmo sul finire del tempo mantiene però Imola in partita: 33-39. Alla Virtus serve una scossa. Chi altri, se non Porcellini, può dargliela? Detto fatto e, con la spinta del suo bomber, Imola prima pareggia e poi si riporta avanti a metà terzo quarto: 43-39, parziale di 10-0 (8 punti sono del Porc). È il momento di affondare la lama e la Virtus non se lo fa ripetere due volte. Massari e Guglielmo aprono la strada, Porcellini ingrana la quinta e ciao ciao Giulianova: 54-44. I numeri del terzo quarto sono impietosi per gli abruzzesi: appena cinque punti segnati, contro i 21 della Virtus. Partita chiusa? Tutt’altro. Marzoli e compagni sono duri a morire e a cinque dalla fine sono ancora lì: -6. Sulle ali dell’entusiasmo gli abruzzesi rimontano punto su punto fino al meno due a 100 secondi dalla sirena. Porcellini è un iceberg e riporta i suoi a +4 dalla lunetta. Il finale è carico di tensione. Bomba di Gallerini e Giulianova a -1. Ancora il Porc per il +3. Guglielmo ruba un pallone fondamentale e segna il +5 in contropiede all’ultimo giro di lancette dal gong. L’intramontabile Marzoli mette a segno il -3, ma esaurisce i falli a 15 secondi dal gong mandando Grillini in lunetta. Il pallone è un macigno ma il Grillo fa uno su due: +4 Imola. Timeout di coach Alesssandrini, ma non serve a nulla. Elia sbaglia in canestro della speranza e la Sigma può far festa!

SANGIO – SCIREA 83 – 94

(13-30, 40-56, 63-72)

Porto San Giorgio: Quercia 2, Lupetti 9, Morresi 9, Perini, Donati 15, Servadio 13, Amelio 3, Gaggia 18, Antonini 6. All. Ripa.

Gaetano Scirea Bertinoro: Montaguti, Solfrizzi 9, Dal Seno ne, Piani 21, Manucci 17, Merenda 10, Fabiani 16, Ravaioli 21, Compagni ne, Chezzi. All. Serra.

RECANATI – PORTO S. ELPIDIO 74 – 79

(11-13, 28-28, 55-52, 67-67)

Recanati: Nardi 3, Manoni 9, Cardinali 9, Piloni 2, Mosca 11, Gurini 5, Magrini 19, Pieralisi 16, Attili, Mazzoleni ne. All. Filippetti.

Porto Sant’Elpidio: Carletti 3, Polidori 15, Facenda 27, Monticelli 13, Sagripanti 4, Torresi 14, Tombolini, Postacchini 3, Marota ne, Chiericozzi ne. All. Schiavi.

SPIDER – TOWERS 68 – 60

(21-18; 37-31; 58-45)

Fabriano: Rossi 9, Azzaro, Cerini, Livera A. 12, Livera O. 4, Bergamin 20, Pinzon, Pierpaoli, Bartolozzi 6, Novatti 17. All. Cecchini.

Ascoli: Orfanelli 11, Di Giandomenico 14, Berardini ne, Mattei 9, Del Buono 16, Bertona, Ciccorelli 10, Nanni, Guede, Roncarolo. All. Aniello.

 

 CLASSIFICA

P. Squadra Pun G V P F S
1. Orva Lugo 28 16 14 2 1213 977
2. Sigma Imola 24 16 12 4 1178 1076
3. Asd Castiglione Murri Bk 2012 Bologna 22 16 11 5 1151 1068
4. Jato Group S. Lazzaro 20 16 10 6 1259 1189
5. Ecoelpidiense Porto S. Elpidio 20 16 10 6 1164 1025
6. Scirea Basket Bertinoro 20 16 10 6 1159 1099
7. Globo Giulianova 18 16 9 7 1081 996
8. Asd  Pisaurum 2000 Basket Club Pesaro 16 16 8 8 1011 995
9. A.S.D. Sangio Porto Sangiorgio 14 16 7 9 1055 1127
10. DaDo Repubblica di San Marino 12 16 6 10 1026 1114
11. B M R Reggio Emilia 10 16 5 11 1060 1149
12. Lui` Porte Recanati 8 16 4 12 1051 1160
13. Ascoli Towers Basket A.S.D. 6 16 3 13 1093 1300
14. Asd Pall. Spider Fabriano 2012 6 16 3 13 989 1215

 

Ti piace questo articolo? Condividilo!