Radio Nettuno

DNC – Il Castiglione Murri sorride, ma quanta paura

17 Novembre 2013
DNC – Il Castiglione Murri sorride, ma quanta paura

CASTIGLIONE MURRI – BASKET 2000 67 – 65
(21-16, 39-31, 56-46)
Castiglione Murri: Mazzoli 3, Riguzzi 2, Ventura, Iattoni 5, Beccari 5, Lollini 17, Botteghi 12, Di Rauso ne, Bergami 7, Albertini 16. All. Carretto.
Scandiano: Astolfi 4, Codeluppi ne, Brogio 7, Bartoccetti 24, Spaggiari 2, Ganapini, Montanari ne, Levinskis 4, Gruosso 14, Giudici 10. All. Spaggiari.

Successo al cardiopalma per il Castiglione Murri che, nella settima giornata del campionato di Divisione Nazionale C, supera 67-65 il Basket 2000 che sbaglia la tripla del possibile sorpasso sulla quarta sirena. Nelle file dei padroni di casa rientrano nei dieci Iattoni e il giovane Bergami, mentre Reggio Emilia ripropone il play Giudici e il bomber Bartoccetti. Primo quarto equilibrato col Castiglione Murri davanti 7-5 dopo 5′, ma incapace di prendere il largo (21-16). Lollini ne fa 7 per i biancoblu, mentre Bartoccetti comincia a scaldare le polveri, realizzandone addirittura 11 sui 16 dei reggiani. L’inerzia del match è nelle mani del Castiglione Murri che, dopo 5′ del secondo periodo, fa esordire in campionato il giovane Luca Bergami, classe 1997. Il biondo esterno comincia con una palla persa che Astolfi trasforma in contropiede, ma poi si riscatta con due pregevoli canestri da due che lanciano la squadra di Carretto. Il ragazzo ha piglio e la giusta faccia tosta. Per il Castiglione Murri è un giocatore in più che sta dimostrando di valere la categoria. Continua a mostrare progessi anche Botteghi, un po’ impreciso da due (3/7), ma comunque importante nel dare peso specifico all’attacco biancoblu con 9 punti prima dell’intervallo. Reggio Emilia subisce l’effervescenza degli uomini di riferimento del Castiglione Murri che a 2′ dalla seconda sirena allunga con Albertini e la tripla di Lollini (36-24), ma, complice la zona voluta dall’allenatore Spaggiari e la tripla di Gruosso, riesce a risalire fino al 36-31 prima che la tripla di Albertini, 10 punti, 9 rimbalzi e 19 di valutazione al 20′, mandi le due squadre negli spogliatoi con i padroni di casa avanti 39-31. Un vantaggio rassicurante per la squadra di Carretto che, dopo l’iniziativa di Giudici (37-33), riprende a giocare come sa. Beccari dalla lunga distanza (42-33), Albertini (44-37) e la tripla di un sorprendente Bergami (47-37), fin qui infallibile dal campo, regalano al Castiglione Murri il vantaggio in doppia cifra. Gruosso, tra i migliori dei suoi, ricuce (47-40), Iattoni, stranamente abulico in attacco, si sblocca a 4’29” con 1/2 ai liberi e la tripla di Botteghi danno tranquillità (56-42) prima del parziale rientro di Reggio Emilia (56-46). Le maggiori sorprese arrivano nel quarto periodo. Dopo il canestro di Lollini è il giovane Spaggiari, un po’ naif con il simbolo delle Air Jordan tatuato dietro al braccio sinistro, ad innescare la rimonta reggiana (58-48). Brogio ne fa 5 di fila (60-55), Bartoccetti tocca quota 20 (60-57) e Reggio Emilia ci crede. Il Castiglione Murri si affida ai liberi di Albertini, ancora Bartoccetti sfiora il pareggio (62-61). La difesa della squadra di Spaggiari alza l’intensità, gli arbitri cominciano a fischiare ogni contatto e i padroni di casa vanno in lunetta otto volte tirando con poco più del 50%. Gruosso e Bartoccetti escono per falli, Giudici da tre vale il 67-65 e Beccari fa 0/2 ai liberi. Reggio Emilia gioca l’ultimo pallone, a 1″ Giudici spara la tripla del possibile sorpasso, ma la palla sbatte sul ferro ed esce. Quarta sirena e sospiro di sollievo. Agli ospiti i rimpianti, al Castiglione Murri un successo che vale il secondo posto nel girone.

Ti piace questo articolo? Condividilo!