Radio Nettuno

Community Shields Vince sempre l’Arsenal di Wenger

6 Agosto 2017
Community Shields Vince sempre l’Arsenal di Wenger

Arsenal – Chelsea 5-2 dcr (1-1)

Marcatori : al 46′ Moses (C), al 82′ Kolasinac (A)

Il calcio inglese è ufficialmente ripartito, soltanto 71 giorni dopo la finale di FA Cup, vinta dall’Arsenal 2-1 sul Chelsea fresco campione d’Inghilterra, si ricomincia ancora così, con la vittoria dell’Arsenal ai rigori quindicesimo Community Shield per i Gunners e settimo per Arsen Wenger che dopo tante critiche ora potrà avere un po’ di tranquillità per l’inizio della Premier.

Si pensava in una vittoria del Chelsea visto anche le tante assenze dei Gunners che deve rinunciare a Sanchez, Ramsey, Ozil e Koscielny, ma si sa il calcio è strano e Wenger batte per la quarta  volta il Chelsea di Antonio Conte.

LA PARTITA

Si parte subito su ritmi piuttosto alti, con l’Arsenal che arriva vicino al gol prima primo con un cross di Bellerin girato verso la porta da Wellbeck, ma Courtois è attento e poi con Iwobi,  grande progressione palla al piede del nigeriano sulla sinistra e, dopo avere  saltato tre avversari, calcia in mezzo trovando la deviazione di Cortois sulla quale non riesce poi il tocco vincente di Lacazette, ma il Francese al 22′ al termine di una bella azione in ripartenza dei suoi, l’ex Lione viene servito al centro dell’area da Wellbeck, se la mette sul destro e con un tiro a giro colpisce in pieno il palo, non male come biglietto di presentazione, alla mezz’ora infortunio di Mertesaker, colpito al volto da Cahill, che costringe il tedesco a lasciare il campo, al suo posto esordio con i Gunners per Kolasinac, arrivato in estate a parametro zero dallo Schalke 04.

Nel secondo tempo il Chelsea si sveglia e  dopo nemmeno due minuti va in vantaggio con Victor Moses, approfittando della solita dormita difensiva dell’Arsenal, su un’azione di calcio d’angolo, dopo la spazzata di Nacho Monreal, è bravo Cahill a rimettere di testa il pallone verso l’area, sul quale si fionda Moses che batte Cech in uscita, il tutto in mezzo all’immobilità della retroguardia di Wenger.

Sembrano essersi invertite le parti in questa ripresa rispetto alla prima frazione, in quanto è la squadra di Antonio Conte a fare la partita. La prima risposta dei Gunners arriva all’improvviso, ed è un cross di Elneny molto insidioso che costringe Courtois a mandare la palla in angolo.

Ritmi alti che mettono alla frusta l’Arsenal che reagisce con Elneny che sfiora il gol pareggio, ma la partita cambia con i ritmi che si abbassano e al 76′ Granit Xhaka calcia fortissimo dalla lunghissima distanza con la palla diretta all’angolino, ma Courtois sfodera una grandiosa parata, ma al 80′ arriva l’episodio che cambia la partita, Pedro è protagonista di un’entrata assurda su Elneny e viene espulso giustamente, punizione battuta da Xhaka per Kolasinac che pareggia, la partita cambia nuovamente con i Gunners indiavolati alla ricerca dell gol vittoria, ma si arriva ai calci di rigore.

Non sono calci di rigore normali, perché per la prima volta in Inghilterra si usa il metodo “A-B-B-A”, testato per la prima volta nell’Europeo femminile U17 e al Mondiale Maschile under 20, il che consentirà di calciare due volte consecutive a ciascuna squadra.

Inizia il Chelsea, ed il primo a calciare é Cahill che spiazza Cech, per l’Arsenal inizia Theo Wallcott, anch’egli bravo a spiazzare il portiere, tocca di nuovo ai  Gunners, con Nacho Monreal che realizza per il 2-1, sul dischetto per i Blues ci va il portiere Courtois che calcia uno specie di rinvio e spedisce la palla altissima, poi per i Blues è il momento di Alvaro Morata, ma anche lui calcia malissimo fuori dando la chance all’Arsenal di poter chiudere con i due rigori successivi, prima con  Chamberlain fa 3-1 e poi con Giroud chiude il match per 4-1.

 

Ti piace questo articolo? Condividilo!