Radio Nettuno

Colpo Segafredo, sconfitta Brescia e play off più vicini

19 Marzo 2018
Colpo Segafredo, sconfitta Brescia e play off più vicini

LEONESSA – SEGAFREDO 66 – 70
(24-23; 41-41; 51-59)
Brescia: Moore 6 (3/4, 0/2, 0/4), Hunt 12 (6/8 da 2, 0/4 tl), Mastellari ne, Vitali L. 11 (1/2, 3/9), Landry 8 (2/6, 1/6, 1/2), Ortner 2 (1/3), Veronesi ne, Traini (0/2 da 3), Vitali M. 22 (2/3, 6/9), Sacchetti 5 (1/5, 1/2). All. Diana.
Virtus: Gentile A. 19 (8/15, 1/4), Jurkatamm ne, Umeh 5 (1/1, 1/2), Pajola 1 (0/1 da 3, 1/2 tl), Baldi Rossi 6 (0/1, 2/5), Ndoja ne, Lafayette 11 (1/1, 3/5), Aradori 13 (3/6, 1/6, 4/5), Gentile S. ne, Berti ne, Lawson (0/2, 0/1), Slaughter 15 (6/8 da 2, 3/8 tl). All. Ramagli.

Vittoria esterna fondamentale, in chiave play off, per la Segafredo contro la Leonessa. Per i bianconeri è stato il primo scontro diretto vinto contro una delle quattro forze del campionato e questa volta il finale, pur essendo sempre con pathos, ha meritatamente premiato la Virtus. Ottima la prestazione di Slaughterin entrambe le metà campo, ma importante il lavoro difensivo della squadra nei secondi venti minuti.
La cronaca: Michele Vitali contro Alessandro Gentile e 15-16 al 6’ con 8 punti dell’esterno bolognese in forza ai lombardi e 10 dell’ala virtussina. Brescia prendeva un minimo vantaggio sul 22-18, ma la Segafredo rispondeva sempre e con Baldi Rossi, dai 6,75, tornava in vantaggio (27-29 al 12’). Questa volta erano gli ospiti ad avere quattro punti di vantaggio (29-33 e 34-38), ma all’intervallo le due squadre erano in assoluta parità a quota 41. Ripresa e le percentuali si abbassavano: il primo guizzo era un parziale di 0 a 0 che portava la Virtus sul +10 (49-59, canestro di Slaughter su assist di un pimpante Lafayette). I padroni di casa non mollavano, l’attacco felsineo rallentava e così si arrivava al 57-62 al 36’. Un minuto più tardi una tripla fondamentale di Alessandro Gentile e a poco più di due minuti dalla fine, ecco la bomba di Lafayette (58-68 al 38’). Partita finita? No, perché Michele Vitali s’inventava due missile consecutivi e la Virtus smetteva di passarsi la palla. Fortunatamente Slaughter recuperava un Pallone fondamentale che rallentava la rincorsa della Leonessa che si portava a -2, con Moore, a 7” dalla fine. Fallo su Aradori, 2/2 e Brescia sbagliava anche l’ultimo tiro perdendo, sai mai, la differenza canestri.

Ti piace questo articolo? Condividilo!