Radio Nettuno

C Reg.: La Pontevecchio suda ad Ozzano, Trebbo ok

1 Febbraio 2013

SERIE C REG. GIRONE A

CASAATTIVA – PLATFORM 41 – 83
(14-23, 21-48, 33-67)
Nazareno Carpi: Malagoli, Goldoni, Arletti 2, Compagnoni 14, Felettigh 2, Piuca 4, Peri 4, Ricchetti, Giovanardi 11, Losi 2, Mariani 2, Menon. All. Bortesi.
Guastalla: Arisi 2, Lombardi 12, Cervi 4, D’Amore 1, Franzini 5, Braglia 5, Marchini 2, Maggi 15, Tellini 2, Colla 2, Cornacchione 16, Parizzi 13. All. Cavalieri.

Esito mai in discussione con i locali che devono accusare l’organizzazione di gioco e il maggiore tasso tecnico degli ospiti. Guastalla parte forte e, a metà della seconda frazione, piazza il break decisivo per la vittoria finale.

SPAL – DILPLAST 70 – 64
(17-17, 37-37, 53-53)
Correggio: Rustichelli Marco 9, Ligabue 6, Testi, Solera ne, Bergianti 4, Rustichelli Luca 13, Soccetti 4, Fassinou 12, Guardasoni 2, Ferrari 20. All. Notari.
Montecchio: Grisendi 14, Pellicciari, Brogio 8, Codeluppi, Serri 14, Basso 10, Mantovani ne, Taraaconi ne, Ongarini 9, Riccó 9. All. Ligabue.

Pronti via e Montecchio, con Riccó (2) e Basso, mette tre triple consecutive. Prima Bergianti e poi Rustichelli Luca iniziano a segnare e Correggio si porta a metà quarto sull’11-13 e, sulla sirena, Fassinou fissa il punteggio sul 17-17. Si riparte con il sorpasso Spal (tripla di Ferrari), Montecchio, però, risponde con due triple consecutive di Serri ed un canestro di Ongarini e mette a segno un minibreak do 8-0 per il 20-27 a – 5’40”. Con le triple di Ligabue e Marco Rustichelli, i gialloneri rientrano e pareggiano (34-34) sull’entrata di Fassinou ad un minuto dall’intervallo lungo. Spal avanti sulla tripla di Ferrari e Montecchio che pareggia grazie al gioco da 3 punti di Grisendi per il 37-37 alla pausa. Inizio del terzo quarto con entrambe le squadre avare di segnature (42-43 dopo 5′). Due triple di Luca Rustichelli sbloccano Correggio che torna davanti, Montecchio con Grisendi capitalizza il bonus ed anche la terza frazione si chiude in parità (53-53). L’ultimo quarto vede la Spal condurre con vantaggi minimi (61-56 al 35′) e si porta sul 65-57 a 1’20” sul canestro di Fassinou. Tripla di Basso e 66-62 a -40″; rubata su Grisendi di Ferrari che, in contropiede e successivi due liberi, sigla il 70-64 con il quale si chiude l’incontro.

ANZOLA – REBASKET 65 – 79
(20-28; 34-41; 51-60)
Anzola Basket: Morini, Mazzanti 11, Ungaro 14, Venturi 6, Lambertini 13, Franchini 3, Di Talia 4, Kalfus, Cavalieri 2, Poluzzi, Zanata 12. All. Binelli.
Rubiera: Giuliani 9, Viviani, Pivetti 5, Maioli 6, Leonardi 18, Roncaglia 12, Simonazzi 13, Canedoli, Gambetti 6, Pellegrini 10. All. Casoli.

La Rebasket trova in trasferta il primo successo del 2013. La partita ha visto gli ospiti sempre in vantaggio giocando sull’asse Gambetti-Leonardi. Tra i giovani buona gara di Pellegrini ma in generale tutta la squadra ha fatto la sua parte per tenere sempre saldamente in mano la gara nonostante i tentativi di Anzola di rientrare.

ME-CART – NOVELLARA 94 – 74
(28-15, 50-35, 74-54)
Cavriago: Croci 17, Fantini 5, Ligabue 9, Menozzi 2, Cervi 19, Monticelli’93 10, Colla 6, Cacciavillani 2, Monticelli’91 12, Alfano 11. All. Degl’Incerti Tocci.
Novellara: Grisendi 9, Margini 7, Bigliardi 1, Folloni 9, Rinaldi 11, Mariani Cerati 9, Torreggiani 10, Lombardini 2, Freddi 4, Ciavolella 10, Baracchi 2. All. Romano.

COOPSETTE – DESPAR 77 – 70

(17-16; 35-35; 64-46)

Castelnovo: Tirelli 5, Spaggiari 2, Bacchi 6, Bartoccetti 31, Castagnaro 18, Grobberio 10, Ferretti, Bellopede, Petrolini 5 , Verzellesi ne, Montanari ne.  All. Fontanesi.

4 Torri Ferrara:  Canelo 32, Strivieri 12, Bertocco 2, Fenati, Marchetti 3, Pusinanti 2, De Martini 2, Agostini 11, Ardizzoni 6, Mazzola, Franchini   All. Conti.

Decisivo il parziale del 3 quarto (29-11) in una gara caratterizzato dal duello tra i cannonieri Bartoccetti e Canelo, che da sola è valsa il costo del biglietto. Marconi senza Codeluppi (per il resto della stagione dopo la partenza in settimana per l’ Erasmus in terra belga ) e Verzellesi (tenuto a riposo per un sospetto stiramento) e pure con Spaggiari in precarie condizioni fisiche (in campo per pochi minuti, ma menomato); prezioso il ritorno di Tirelli.

GUERCINO – CASTELFRANCO 74 – 54

(23-12; 38-27; 52-37)

Guercino Cento:   Mazzetti, Genovese 7, Angelini, Virgili 6, Pezzin 14, Busi 9, Vitale 7, Vettore 9, Bovo 8, Novi 3, Sciarabba 11. All. Serra.

Castelfranco Emilia: Ganugi 15, Coslovi 12, Baroni, Garuti 6, Tedeschi , Del Papa 10, Montorsi ne, Marzo, Guidotti 7, Parma 2, Pantaleo. All. Boni.

CLASSIFICA
Cavriago 30; Guastalla 28; Montecchio 22; Castelnovo 20; Novellara, Rebasket 16; Castelfranco 14; Correggio, Guercino 12; Nazareno, 4 Torri 8; Arbor 4; Anzola -2.

 

SERIE C REG. GIRONE B

VOLTONE – MASSA 82 – 100

(22-24; 46-59; 65-77)

Zola Predosa: Venturi, Sassoli 2, Nannetti 13, Drusiani, Agnoletti 28, Ferraro, Perrotta 7, Stignani 13, Giacometti, Gaudiano 7, Zappoli 6, Gruppi 6. All. Piccolo.

Massa Lombarda:  Dal Fiume 20,Dall’Osso 5, Zambrini 21, Merendi 2, Barbagelata 19, Lopez Rodriguez 11, Saccardi 7, Righini 4, Sangiorgi 4, Seracchioli 7. All. Fazzi.

Giocare a chi ne segna uno in più, non poteva che premiare il grande talento degli esterni romagnoli, che hanno sbancato meritatamente il “PalaZola”. Il Voltone ha fatto la sua onesta prestazione, non mollando mai, ma senza dare l’impressione di potercela fare. Dopo una prima frazione equilibrata che metteva subito in luce l’ottima serata del lungo zolese Agnoletti (top scorer con 28 punti), era Dal Fiume a dare la prima accelerata (27-37 al 14′). I padroni di casa, con la zona, si riportavano a -4 (44-48 con 14 di Agnoletti e 7 dell’Under Perrotta), ma gli ultimi cento secondi della frazione erano a senso unico con Massa che andava al riposo col massimo vantaggio (46-59 con sette bombe messe a segno dai biancorossi). L’onda lunga proseguiva nelle prime curve del terzo quarto (46-68 al 22′), poi gli ospiti staccavano il piede dal gas ed il Voltone(bene Nannetti e Zappoli) era bravo a riportarsi sotto. Sul 69-80, a sei minuti dalla fine, però, non veniva sfruttata al meglio l’occasione di riportarsi a contatto: 2/4 di Stignani dalla lunetta e successiva persa da Sassoli che dava il via al 3+3 di Barbagelata che metteva in frigorifero il risultato.

CONAD – FOR 64 – 66
(19-19; 33-41; 49-59)
Flying Balls Ozzano: Urbani 15, Guazzaloca 6, Romboli 7, Boccardo ne, Lelli 10, Caprara, Grassitelli 5, Checcoli 2, Ballestri ne, Diaw 15, Tassinari 4. All. Castriota.
Pontevecchio: Ferraresi ne, Sighinolfi 12, Menarini, Parenti 8, Ansaloni 16, Innocenti 4, Reggiani ne, Acquaviva 10, Trombetti 14, Rota 2. All. Terzi.

Si è fermata sul -1 la grande rimonta della Conad nella difficilissima sfida contro la capolista Pontevecchio. I ragazzi di coach Castriota verso la fine del terzo quarto sono sprofondati a -18, prima di un ottimo recupero che li ha portati sotto fino ad avere in mano l’ultimo possesso per la possibile vittoria. Avvio scoppiettante per i Flying che, trainati dai canestri di Diaw, si trovano dopo cinque minuti avanti di dieci lunghezze sul 17 a 7. Un time-out chiamato da Coach Terzi da la scossa agli ospiti che con un parziale di 12 a 2 impattano la partita sul 19 pari alla prima sirena. Anche la seconda frazione è equilibrata, ma questa volta la Pontevecchio riesce a prendere qualche punto di vantaggio chiudendo avanti di otto. Il terzo periodo è quello più difficile e sfortunato per la Conad, con Romboli che si va ad aggiungere alla ormai infinita e piena infermeria ozzanese (infortunio alla caviglia) e con gli ospiti che trovano canestri a ripetizione con Trombetti e Ansaloni fino toccare al minuto 28 il massimo vantaggio (41-59). La partita pare ormai chiusa, ma l’orgoglio di Ozzano viene fuori e, due bombe consecutive di capitan Urbani, danno il via alla rimonta biancorossa, complice anche un attacco ospite capace di realizzare appena 4 punti in 8′. A meno di 90 secondi dalla sirena arriva il canestro di Diaw e i Flying si trovano clamorosamente sotto di appena una lunghezza (64-65). Dall’altra parte la For sfonda, ma Ozzano non ne approfitta perdendo palla. Entrati negli ultimi 30″ del match, Acquaviva in lunetta fa 1 su 2 portando gli ospiti sul +2. Con ventitre secondi da giocare, l’ultimo possesso è nelle mani dei Flying, i quali provano a vincerla. Il possesso ozzanese è però troppo lento e l’ultimo tiro di Tassinari arriva tardi e tocca a malapena al ferro.

AICS – GRANAROLO 94 – 62
(24-10; 42-23; 64-46)
Aics Forlì: Mazzotti 12, Mastrilli, Tocchi 1, Ravaioli 18, Valgimigli, Brighi 6, Gaiotti 23, Ghetti, Zamagni 2, Zannoni 2, De Martin 29, Molea 1. All. Chiadini.
Granarolo Basket: Bacocco, Ballini 7, Biello 9, Calanchi 8, Nicotera 3, Persiani 3, Ramini 14, Serra 5, Spettoli 11, Tugnoli 2. All. Trevisan.

TREBBO – BMC 72 – 63

(15-13; 32-30; 47-39)

Trebbo: Galeotti 6, Piccinini 5, Saccaro 5, Benfenati 2, Folesani 6, Zucchini 20, Corsaletti 13, Generali, Tagliavini, Casagrande 9, Zampogna 6. All. Lolli

Medicina: Dalpozzo 13, Govi 6, Caprara 14, Martelli ne, Morara 8, Corcelli 9, Astorri 2, Quartieri 5, Musolesi 4, Filippini 2. All. Curti.

Al termine di una gara scorbutica e che ha regalato poco a livello di estetica, Trebbo raccoglie un importante successo per la classifica, restando in scia alla vetta ed allungando sulle ultime posizioni utili per i play off. Come già nella precedente uscita casalinga, la chiave del successo è stata la difesa, con un ottimo terzo quarto dove i padroni di casa sono riusciti a costruire la fuga decisiva. Primi minuti di gara equilibrati (5-6 al 4’), con i padroni di casa da subito efficaci e reattivi a rimbalzo offensivo (saranno oltre 20 a fine gara), ma non sufficientemente concreti nei possessi aggiuntivi; Medicina fatica però terribilmente contro la difesa schierata e al minuto 8’ Trebbo sembra poter scappare (13-6). Invece nelle ultime azioni del primo quarto gli ospiti ricuciono punendo alcune banali palle perse dei bianchi di casa. Il secondo quarto continua sul filo dell’equilibrio, con Zampogna e compagni tanto efficaci a rimbalzo quanto imprecisi al tiro, mentre gli ospiti si aggrappano all’esperienza di Caprara che confeziona 10 punti personali in 8 minuti di gioco. Dal 25 pari con 4’ scarsi all’intervallo Trebbo prova ancora ad allungare (32-25 con 1’ 29” sul cronometro e dopo i canestri di Corsaletti, Saccaro e Piccinini), ma ancora una volta gli ospiti rispondono con Caprara e Corcelli, mandando le due squadre negli spogliatoi a stretto contatto. Al rientro in campo il copione non cambia per alcuni minuti (38-37 al 24’), poi sale ulteriormente il livello della difesa di casa e si accende Zucchini: 3 triple ed un libero dopo il tecnico alla panchina ospite spingono al +10 a 1’30” dalla fine del 3° quarto (47-37). Nei primi minuti dell’ultimo quarto, prima le due squadre iniziano a fare i conti con i problemi di falli (4° per Corcelli e Piccinini subito in apertura), poi Trebbo prova ad allungare definitivamente con la buona regia di Corsaletti (57-42 al 34’ dopo un tecnico per proteste a Caprara), ma Medicina non molla e resta in partita con Dalpozzo. Due cesti allo scadere dei 24” firmati da Casagrande e Folesani, con in mezzo un fallo in attacco di Musolesi, sembrano mettere la parola fine sulla sfida (61-46 con 4’ da giocare), ma gli ospiti non mollano, mentre gli arbitri perdono completamente il filo con una serie di fischiate e non fischiate che innervosiscono entrambe le squadre. Zampogna con un tecnico e Corcelli espulso per proteste sono il risultato più evidente del clima finale, mentre il divario rimane sempre in doppia cifra fino al minuto finale, quando una tripla a testa di Caprara e Dalpozzo riportano pericolosamente sul 69-63 con 23” da giocare; il successivo gioco da 3 punti di Saccaro fissa il finale e manda alla sirena.

CASTENASO – ALTEDO 76 – 59

(20-14, 38-30, 52-48)

Castenaso: Sgorbati, Bitelli, Garzelli 8, Pappalardo 18, Piccinini ne, Neri ne, Zuccheri 4, Bianchini 15, Chiusolo 27, Galvan ne, Rizzatti 4. All. Castelli.

Altedo: Tradii 7, Chiarini 5, Govi 12, Marzioni 3, Ventura ne, Nanni 8, Parmeggiani 7, Pasquini 8, Pecchia 8, Bulgarelli 1, Martini. All. Cavicchioli.

Inizio di partita bruttino, con le difese di entrambe le formazioni in grande spolvero. Polveri bagnate per i tiratori di Altedo, che soffrono la pressione difensiva degli uomini di coach Castelli. È proprio quest’ultimo il protagonista in avvio di match, dopo un fallo non fischiato ai suoi, protesta contro la coppia arbitrale e riceve subito un fallo tecnico. La prima frazione di gioco vede i padroni di casa tentare un allungo grazie alla buona mira dei suoi esterni, sono soprattutto Chiusolo e Pappalardo a portare avanti i bianconeri. A fine 1°quarto i padroni di casa sono avanti 20-14. Nel secondo periodo Castenaso legittima il vantaggio, portandolo in doppia cifra dopo tre bombe in pochi minuti, sono ancora Bianchini, Chiusolo e Pappalardo a realizzare dai 6,75. Per gli ospiti i pochi bersagli arrivano dal giovane Govi e da Pecchia; si arriva all’intervallo lungo sul punteggio di 38-30. Dagli spogliatoi esce meglio Altedo, che piazza un parziale di 12-5 e torna a -1, sfruttando la buona vena sotto le plance di Nanni e ancora le conclusioni in velocità di Govi. I padroni di casa non mollano e piazzano un contro-parziale guidati da Bianchini e da capitan Pappalardo che, sul finale del quarto, diventa protagonista in negativo, si becca un fallo tecnico che porta in lunetta Pecchia, 2/2 per lui e Altedo si presenta all’inizio dell’ultima frazione a contatto, 52-48. Ultimo parziale che si apre con due bombe degli ospiti, Tradii il marcatore. Castenaso rischia di andare in confusione contro l’efficace zona schierata da coach Cavicchioli. Chiusolo e co. non si lasciano però ingabbiare ed è proprio il giovane play a guidare i suoi nel finale del match. Il break è frutto della difesa estenuante degli uomini di Castelli: saranno ancora Chiusolo e Pappalardo a sancire la vittoria di Castenaso. Importantissima vittoria in chiave salvezza, per Altedo qualche rammarico per la poca precisione offensiva e la mancanza di lucidità nei momenti chiave della partita (A.T.)

E’ VITA – TECNOPOSE 72 – 68

( 18-16; 36-33; 42-56)

Budrio: Fimiani 6, Piazzi 5, Barbieri 11, Lazzari 2, Biguzzi 14, Manini, Masini 15, Ballardini 6, Quaiotto 7, Bargiotti ne, Lanzi ne, Frazzoni 6. All. Cinti.

Cvd Casalecchio: Spada 4, Fiumi 8, Tugnoli 10, Marchi 2, Proto 3, Fuzzi 14, Cantore 5, Giaretta 2, Dal Pozzo 18, Masetti ne, Diop ne. All. Carrera.

CLASSIFICA

Pontevecchio, Massa, Budrio 22; Trebbo, Aics 20; Altedo 18; Granarolo, Medicina 16; Flying Balls 10; Cvd, Castenaso 8; Voltone 6; Ghepard 4.

 

 

Ti piace questo articolo? Condividilo!