Radio Nettuno

Budapest 2017, Grandissima giornata di nuoto con le tre stelle mondiali Adam Peaty, Sara Sjoestroem e Katinka Hosszu

24 Luglio 2017
Budapest 2017, Grandissima giornata di nuoto con le tre stelle mondiali Adam Peaty, Sara Sjoestroem e Katinka Hosszu

Una seconda giornata da incorniciare  quella appena conclusa  nella Duna Arena di Budapest (Ungheria) per i Mondiali di nuoto in piscina, con tanti tempi pazzeschi nelle Finali e Semifinali svolte oggi, con tre stelle mondiali come Adam Peaty nei 100 rana, Sara Sjoestroem nei 100 delfino e la regina ungherese Katinka Hosszu nei 200 misti.

FINALE 100 RANA UOMINI

Adam Peaty, ancora una volta, lascia tutti a bocca aperta, con un passaggio ai 50 in 26″50  e la chiusura in 57″47, secondo posto per Kevin Cordes in 58″79 e sorprendente terzo posto per il russo Kirill Prigoda che in 59″05.

FINALE 100 FARFALLA DONNE

Sarah Sjoestroem e’ come sempre devastante la svedese nei 100 farfalla, ai 50 metri con un tempo pazzesco di 25″67 e poi chiude in 55″53 ad appena 0″05 dal suo record, un successo storico per la scandinava che dal 2009 domina in questa specialità, medaglia d’Argento  l’australiana Emma McKeon in 56″18, precedendo l’americana Kelsi Woorell in 56″37

FINALE 50 FARFALLA UOMINI

Il britannico Benjamin Proud vince  i 50 Farfalla, partenza bruciante del farfallista del Regno Unito che, grazie ai primi 25 molto veloci, fa sua la vittoria in 22″75 battendo il brasiliano Nicholas Santos 22″79 e l’ucraino Andrii Govorov 22″84, soltanto quarto per il grande favorito della vigilia Caeleb Dressel (Usa) che in 22″89.

FINALE 200 MISTI DONNE

E nell’ultima finale in programma nella Duna Arena non può che arrivare la grande vittoria  per Katinka Hosszu la regina di Ungheria, la campionessa magiara chiude in 2’07″00, sostenuta da tutta l’Ungheria e domina come sempre i 200 misti senza lasciare scampo alle avversarie, medaglia d’Argento a sorpresa per la nipponica Yui Ohashi, grazie ad una grande frazione a Rana in 2’07″91, mentre per l’americana Madisyn Cox arriva il bronzo

SEMIFINALI 100 DORSO UOMINI

Sarà un confronto Asia-America quello che ci attende nella finale di domani. Il cinese Jiayu Xu ha stampato un eccellente 52″44 prendendosi la vetta della classifica in queste semifinali. Alle spalle dell’asiatico la coppia americana costituita dall’oro a Cinque Cerchi Ryan Murphy (52″95) e da Matt Grevers (52″97). A completare il poker degli osservati speciali, in vista dell’atto conclusivo, Ryosuke Irie che, pur prediligendo i 200 metri, sa farsi valere anche nelle due vasche, niente  da fare per il nostro Matteo Milli che in 54″44.

SEMIFINALI 100 RANA DONNE

Nelle due vasche della rana femminile Yulia Efimova con un passaggio da 30″67 ai 50 metri ed un ritorno pazzesco da 33″69 si porta ad un solo centesimo dal record del mondo della sua grande rivale Ruta Meilutyte, la russa in 1’04″36 ha impressionato segnando il miglior tempo ma Lilly King non è stata a guardare stampando un 1’04″53 che rilancia in vista della sfida finale, ci sarà ovviamente anche la  Meilutyte che non vorrà certo recitare il ruolo della comprimaria.

Più che discreto il crono di Arianna Castiglioni di 1’07″21 non sufficiente per entrare in finale ma il meglio possibile per la lombarda in quest’annata.

SEMIFINALI 100 DORSO DONNE

Fuochi d’artificio anche nel dorso femminile dove la canadese classe ’96 Kylie Jacqueline Masse ha stampato un 58″18 a 6 centesimo dal WR di Gemma Spofforth (primato ottenuto con costumi in polieuretano). Non sarà dunque facile per Emily Seebohom riuscire ad imporsi (2° crono in 58″85) nonostante l’assenza della Hosszu che, giustamente, ha optato per la finale dei 200 misti. Sul versante Usa la ventenne Kathleen Baker è la carta migliore in 59″03.

SEMIFINALI 200 STILE LIBERO UOMINI

E’ ancora la Gran Bretagna protagonista con  Duncan Scott (1’45″16) e James Guy (1’45″18) che si aggiudicano i due migliori tempi davanti al cinese Sun Yang, con il campione del mondo dei 400 che gestisce la situazione senza forzare chiudendo in 1’45″24 in finale sarà tutta un’altra storia.

 

Ti piace questo articolo? Condividilo!