Radio Nettuno

Basket – Il punto in Promozione dopo tre giornate

5 Novembre 2013
Basket – Il punto in Promozione dopo tre giornate

Primi scontri diretti e primi responsi. Nel girone C cade Vignola, dopo un tempo supplementare sciupato, a Sasso Marconi ed il Bologna Basket, sempre all’overtime, contro un Atletico mai domo. Nel D Molinella passa al “PalaCus” in volata, Medolla fa tris a Castel Maggiore e, infine, la Stefy (5 in doppia cifra) sbanca Sant’Agata Bolognese (Ayiku 26 punti) dopo due tempi supplementari. Nel girone E piange Ozzano e sorride Faenza (Morsiani 28), mentre davanti non fanno sconti Ravenna e Lugo. Infine, in Romagna, sono ancora quattro le formazioni imbattute con l’Aics che ha fatto la voce grossa sul campo dei Tigers.

GIRONE C

MASI – GARDEN BO 64 – 52
(19-16; 33-30; 44-41)
Masi Casalecchio: Campazzi 10, Sechi 10, Forni 1, Di Marzio 8, Barilli 4, Selvi 9, Cavana 4, Zappoli 12, Lamberti 6, Conti. All. Guidetti.
Sport Junior 2000: Brognara 6, Vecchiatini 9, Ceresi 8, Giacometti 5, Tinti 4, Trenti, Cavalieri 14, Jaboli 3, Campoli, Aschieri 3. All. Bulgarelli.
MASI – La Masi supera anche l’ostico Sport Junior 2000. Dopo una prima frazione altalenante con minimi vantaggi da una parte e dall’altra, i casalecchiesi provavano la fuga sul 24-19, ma un parziale di 0-9 (bene Cavalieri e Tinti) dava un +4 alla formazione ospite. Era Zappoli a riportare i biancoverdi in vantaggio, ma nella ripresa non c’era una formazione in grado di dare un parziale all’altra. Nella frazione conclusiva erano i “piccoli” Campazzi e Sechi a fare la differenza e a trascinare la Masi sul +11; inutile il forcing finale della Bulgarelli-band.

MONTEVENERE – F. FRANCIA 47 – 52
(15-15; 22-32; 32-38)
Montevenere: Castaldini 1, Brazioli 2, Capuleti 5, Costa 9, Gironi 6, Indovini, Lamandini 6, Lolli 5, Ottani 13, Venturini. All. Rossi.
Zola Predosa: Galli 10, Gabrieli 1, Lenzi, Benassi, Masina, Brochetto D. 2, Pagano 9, Truzzi 18, Balducci, Cavallini 12. All. Brochetto L.

CSI SASSO – SPV 81 – 76 dts
(19-14; 30-35; 53-46; 67-67)
Csi Sasso Marconi: Cremonini 16, Bruni 17, Perrina, Rillo, Romano 13, Truppi 20, Magnani 2, Meluzzi 7, Mutolino, Bellodi 6. All. Borghesani.
Vignola: Badiali 12, Pancaldi 5, Mariani 11, Canelli, Pantaleo 13, Tonelli 4, Guidotti 18, Franchi 1, Bucciarelli 10, Malagodi 2. All. Smerieri.

ELLEPPI – IMA 57 – 63
(18-13; 29-23; 48-36)
Elleppi: Masetti 6, Morando 7, Marino 4, Carrera 2, Pierini 2, Papparella 7, Ascari 12, Sakho 6, Taviani 6, Cameranesi 5. All. Leonardi.
Ima: Ariatti 4, Biscaglia 8, Lungarella, Ariatti 2, Foti 3, Riccobaldi 19, Quercioli 1, Lucchini 19, Caporali 7. All. Mazza.

ATLETICO – BOLOGNA BASKET 2011 78 – 72 dts
(19-12; 29-35; 46-53
Atletico: Nanni 7, Poluzzi 8, Gherardi 2, Artese 14, Sant 12, Farneti 20, Rossi 5, Romano 6, Martelli, Veronesi 4. All. Cifiello.
Bologna Basket 2011: Grassitelli 16, Zini 7, Mondini 1, Cerri 3, Ronchi 7, Agnoletti 7, Santi 12, Valenti 4, Conti 3, Midulla 12. All. Munzio.
ATLETICO – Veramente una bella partita al “Cavina”. Partiamo bene con grande pressione sugli esterni, nostro unico piano tattico visto le assenze di Proto e Turco e la presenza solo per forza di volontà di Gherardi. 19 a 12 primo quarto. Con le rotazioni andiamo invece un po’ in difficoltà nel secondo quarto, veniamo recuperati e poi sul punto a punto perdiamo due palloni da cui nasce il loro primo break (29-35). La difesa continua a togliere ossigeno agli avversari, ma la loro tecnica e’ davvero buona per cui volano a +12. A questo punto dobbiamo accendere un cero per il buon Artesino che con due minuti di follia fa 8 punti e ci riporta a -7 fine terzo quarto, 46 a 53. Senza questo mini break probabilmente ci avrebbero asfaltato. Invece iniziamo a vedere gli avversari sulle gambe nel reggere il nostro ritmo; iniziano a fare tiri affrettati e falli gratuiti a metà campo per fermare contropiedi. Con tre cinni in campo (Artese, Rossi e Sant) del ‘95 inizia la rimonta. Gli avversari si disuniscono e andiamo fino al +2 palla in mano. Sbagliamo noi, mentre loro danno lob a Grassitelli che segna e subisce fallo. Fallisce il libero e 63 pari a 40” dalla fine. I nostri piani prevedrebbero un tiro veloce per farne due, mentre in realtà la poca lucidità ci porta a tirare a -26”, prendendo oltretutto il “palo”. Ultimo loro attacco spudoratamente alla ricerca di un fallo che giustamente non viene fischiato. La fortuna ci dà anche una mano visto i due rimbalzi concessi in così poco tempo; sbagliano tutti i 3 tiri e quindi over time! Non molliamo in difesa e qui gli avversari cadono, cadono proprio di ritmo e ci regalano contropeidi e falli. 78 a 72 per la gioia del buon pubblico presente.

VANINI – SCHIOCCHI BALLERS 46 – 56
Horizon: Cassetti 6, Marini 8, Vanini, Bonora 6, Vanelli 4, Neri 2, Cavicchini, Guccini 10, Menichetti 4, Lamberti 6. All. Muscò.
Schiocchi Ballers Modena: Flamini 2, Binotti 9, Sangermano 3, Bernardi 6, Macchelli, Minarini 9, Costa 8, Carretti 19, Carraro, Puricella. All. Espa.

CLASSIFICA
Masi Casalecchio 6; Bologna Basket 2011, SP Vignola, Sport Junior Bologna, Atletico Bologna, CSI Sasso Marconi, Pgs Ima Bologna 4; Montevenere Bologna, Francesco Francia Zola, Schiocchi Ballers Modena 2; Vanini Horizon Bologna, Elleppi Bologna 0.

GIRONE D

AUDAX – PGS WELCOME 49 – 65
(10-18; 25-39; 32-50)
Audax Basket Ferrara: Aboulfath 2, Pedevilla 5, D’Andrea 6, Felletti Spadazzi 3, Bertasi 9, Ferrarini 3, Bianchi 13, Aprea 8, Grenzi, Ferraresi. All. Mancin.
P.G.S. Welcome Basket: Lamborghini L. 16, Cocchi 2, Ferraretti 1, Capelli 6, Sabbioni 17, Palmieri, Cinti 13, Bortolazzi 5, Roveri, Ferrari 5. All. Lamborghini R.
PGS WELCOME – Con una gara sicura ed autoritaria la Welcome espugna il campo dell’Audax, cancellando con un colpo di spugna la pessima partita dello scorso giovedì. La formazione ferrarese ha resistito all’incirca 3’, poi il play Lamborghini (Mvp della serata), Ferrari e Capelli hanno inflitto agli avversari un primo break di 15 a 4, marcando il match con la loro impronta. Nella seconda frazione la squadra di casa cerca di rifarsi sotto con Bianchi e Pedevilla, ma i loro sforzi vengono vanificati dagli ospiti che, con Sabbioni e Lamborghini, mantengono inalterato un vantaggio di una decina di punti. Dopo il riposo i bolognesi prendono il largo, Cinti trova la via del canestro con più continuità e ben presto il vantaggio arriva alle 22 lunghezze (28 a 50). L’ultimo quarto non produce scossoni degni di nota, l’Audax recupera qualche punto con Bianchi e D’Andrea, ma Bortolazzi e Lamborghini chiudono definitivamente la partita gestendo saggiamente il vantaggio accumulato.

ICOS – MOLINELLA 60 – 62
(12-22; 36-34; 48-48)
Vis Ferrara: Busacca 6, Caselli 11, Gardenale 15, Munaron 3, Malaguti 3, Merlo 3, Bolognesi 15, Campi 1, Bertazza 2, Benetti 1. All. Cesaretti.
Molinella: Tagliavini 11, Pazzaglia 2, Ricci 9, Vignudelli 7, Trippa 12, Testi 14, Gualandi 4, Fusetti 3, Balboni. All. Baiocchi.
VIS FERRARA – Prima sconfitta stagionale per la Vis Ferrara, che perde di misura in un finale concitatissimo e fino agli ultimi secondi sempre in discussione. Molinella riesce ad espugnare il PalaCus meritatamente, dimostrando sul campo di avere tutte le carte in regola per ambire ad un salto in categoria superiore. Ferraresi che peccano soprattutto di un inizio spento, tesi e contratti non riescono a far valere il fattore campo e lasciano agli ospiti ogni iniziativa. Dopo un primo quarto da incubo la Vis è già sotto la doppia cifra 12-22. Inevitabile la reazione nei secondi 10’ di gioco: con un Gardenale in grande spolvero (tre triple una dietro l’altra) l’Icos ricucisce lo scarto e a fine primo tempo conduce pure per 36-34. Nella ripresa partita che cambia, entrambe le squadre mischiano le carte tra difese a uomo e zona, il metro arbitrale si fa più stretto e ad ogni respiro si passa praticamente più tempo in lunetta per via dei falli che per tempo giocato regolarmente. Ritmi di gara bassissimi e spezzettati, ed ecco che pure il terzo quarto è in totale equilibrio: 48 pari. Non cambia il match anche nell’ultima frazione di gioco, a 5’ dalla fine la Vis è ancora in parità assoluta (55-55), è ovvio ormai che il finale di partita sarà l’ennesimo thriller punto a punto. A poco più di 1’ dal termine Vis sotto di 5 (57-62), prima che una tripla di Bolognesi non ridia speranze a coach Cesaretti e i suoi accorciando ad un solo possesso di distanza lo svantaggio. Sull’azione successiva è la Vis ad avere il tiro del pareggio o della possibile vittoria (60-62): Gardenale in entrata sbaglia, rimbalzo Molinella e fallo sistematico Vis per fermare il tempo quando mancano 4’’ al suono della sirena finale. Ricci in lunetta per Molinella sbaglia entrambi i liberi, i ferraresi tentano disperatamente pure un ultimo tiro dalla metà campo, ma senza successo e partita che termina sul punteggio finale di 60-62.

DIABLOS – STEFY 93 – 100 d2ts
(18-25; 40-50; 60-66; 79-79; 91-91)
Sant’Agata Bolognese: Violi 8, Girotti 19, Patelli 10, Ayiku 26, Sabattini, Ballotta, Bruni 19, Accorsi 9, Aldovini 2. All. Sacchetti.
Stefy: Grassi 2, Gagliardi 4, Bergami, Francia 16, Benetti 22, Vittuari 20, Bartolini 8, Tradii 16, Mannini 10, Berti 2. All. Scandellari.
DIABLOS – Anche un campionato dilettantistico, giocato in palazzetti di provincia, con atleti che conciliano studio, lavoro e tanto impegno sportivo può offrire incontri con buona tecnica ma soprattutto con tanta intensità agonistica, spettacolarità sportiva e tante emozioni. Complimenti ad entrambe le squadre per la bella partita, sicuramente consigliata ai “forti di cuore”, che ha tenuto tutti col fiato sospeso fino all’ultimo. Ci sono voluti addirittura due tempi supplementari per decretare un vincitore. Ma partiamo dall’inizio, la Stefy è scesa sul parquet concentrata e determinata, mettendo in campo fisicità e buone conclusioni sia spalle a canestro che dalla distanza, in particolare con Benetti e Mannini. Le nostre importanti assenze (ci auguriamo brevi) degli “infermi” Belo, Sam e Rusco, non consentivano al coach le solite rotazioni, poi l’infortunio del “guerriero” Ballo (Riccardo Ballotta) accorciava ulteriormente la panchina. Non ci siamo scoraggiati, trascinati dal solito Giro Girotti, coadiuvato dal solido Patta Patelli, pur dovendo rincorrere, siamo sempre rimasti in partita, -7 al primo quarto, -10 a fine primo tempo. Nel terzo periodo abbiamo iniziato a macinare il nostro gioco, fatto di intensità difensiva ed incisive penetrazioni in attacco. Le incursioni di uno scatenato “Alix” Ayiku, miglior realizzatore dell’incontro con 25 punti segnati e lo sforzo corale di tutta la squadra che non ne voleva sapere di mollare ci ha riavvicinato ai nostri avversari chiudendo il quarto a -6. L’incontro comunque sembrava volgere ad una dignitosa, ma inevitabile sconfitta. Ma nell’ultimo quarto i nostri ragazzi hanno tirato fuori il meglio di sé, hanno messo in campo grinta, voglia di riscossa ma soprattutto cuore, chiedendo più volte sostegno al numeroso e rumoroso pubblico. Le nostre conclusioni dalla distanza con il solito “cecchino” Enri Bruni e Ayiku infiammavano letteralmente i nostri tifosi, rosicchiando punto su punto ai nostri avversari che sentivano il fiato sul collo dopo aver condotto tutta la partita anche con un vantaggio di quasi venti punti. Arriviamo così alla parità, 79 a 79 con 25” al termine e rimessa nostra. Conclusione affrettata e disastrosa che consentiva alla Stefy di tentare l’ultimo arrembaggio per la vittoria. Errore anche per i nostri avversari e si gioca ancora. Supplementare che accende le nostre speranze di vittoria, portandoci addirittura a +7. Poi a venti secondi dal termine con un vantaggio di 5 punti siamo stati “assaliti” dalla paura di vincere. Regalando incredibilmente la palla agli avversari, con una bomba e due liberi, Vittuari (ottima prestazione con 23 punti all’attivo), impattava nuovamente l’incontro portandoci al secondo supplementare. Fuori per 5 falli sia Violi che Bruni e “benzina” terminata, due viaggi in lunetta con quattro liberi segnati ed un ultima bomba decretava finalmente vincitori e vinti. Da segnalare le tante conclusioni da tre punti, ben dieci per i nostri avversari e sette per i Diablos.
STEFY – Partita incredibile condotta per 38′ dalla Stefy che rimane a lungo in vantaggio in doppia cifra. Nel primo supplementare i Diablos scappano sino al 91-86 a 26″ dal termine e palla in mano. Due recuperi di Vittuari, che concretizza con una bomba e un 2/2 ai liberi, con l’occasione della bomba di Benetti sul ferro a fil di sirena, portano al secondo supplementare che vede la Stefy chiudere in difesa e portare a casa i due punti.

HAPPY BASKET – MEDOLLA 45 – 52
(10-11; 20-25; 34-38)
HB Castel Maggiore: Pellegrino 4, Nanetti 6, Bonora 6, Boraggini 4, Tolomelli 7, Simoni 4, Maini 2, Mancini 2, Giunchedi 8, Tugnoli 2. All. Ansaloni.
Medolla: Galeotti 10, Maini Alessio 15, Tralli 10, Giannetti 1, Ceretti, Spinelli, Naussbaum, Barbieri 8, Aldrovandi 6, Maini Andrea 2. All. Ganzerli.

PEPERONCINO – FINALE EMILIA 72 – 70
(15-18; 41-38; 57-51)
Castello d’Argile: Bergami 19, Leonelli 10, Bonazzi 2, Monari M. 18, Manzi 3, Margutti 10, Bertuzzi 2, Cristofori 8, Monari D., Comi. All. Monari M.
Finale Emilia: Todisco 10, Borghi 13, Bergamini F. 3, Bergamini A. 29, Vicenzi, Pirani 2, Neri, Dyrmishi 1, Borghi 8, Succi 4. All. Ferrari.

ARGELATO – BIANCONERIBA Mercoledì 6 Nov. (21) – Palasport di Argelato

CLASSIFICA
Molinella, Medolla 6; Diablos S.Agata Bolognese, Vis Ferrara, Happy Basket Castelmaggiore, Stefy Bologna 4; Argelato*, Sport Insieme Bologna, Pgs Welcome Bologna, Peperoncino Castello d’Argile 2; Audax Ferrara, Bianconeriba Baricella*, Finale Emilia 0.

GIRONE E

SPEM – TITANS 57 – 42
(13-10; 27-28; 38-37)
Spem Ravenna: Bianchini 6, Basaglia 4, Vistoli 4, Cirillo 1, Morigi E. 16, Zucchini 5, Beltrami 8, Foschi 5, Dardozzi 8, Morigi L.. All. Focarelli.
Titans Ozzano: Finessi 6, Rossi 2, Cairo 6, Fioravanti 8, Mungiguerra, Boletti 9, Sorghini 4, Gardotti 1, Rambaldi, Fiumi 6. All. Torrella.

SPEM – Vince, ma ancora non convince la Spem Ravenna che ha la meglio nella terza di andata sui Titans Ozzano, fino ad allora imbattuti con il punteggio di 57-42. Ravenna si presenta ai blocchi priva di Senni (in vacanza), e rientra così Emi Morigi. Pronti e via Ravenna scappa in avanti, dando l’impressione che i propri lunghi siano immarcabili. Ozzano però rientra grazie al duo Cairo–Sorghini. Poi, come un copione di un film che si ripete, nel secondo quarto Ravenna va avanti sino al +15, poi complice un black out totale si fa recuperare dal parziale di Ozzano di 16-0, andando addirittura in svantaggio all’intervallo lungo. Questo dato negativo non incoraggia i ragazzi di coach Focarelli, perché, purtroppo, sta diventando un’abitudine quella di regalare grandi parziali, e su questo ci sarà ancora molto da lavorare. Nel terzo quarto è l’equilibrio a regnare sovrano, con molti errori, molte forzature e difese che prevalgono sugli attacchi. Il lampo però che permette alla Spem di mettere la testa avanti porta la firma di Basaglia che segna una tripla allo scadere. Nell’ultima frazione invece il black out è bolognese, con i Titans che non riescono più a siglare e Ravenna ne approfitta con Dardozzi, Morigi E. e Beltrami scappando fino al + 19 della sirena finale.
TITANS – Va male il big match di Ravenna tra due imbattute del girone E. Contro i blasonati romagnoli i Titans reggono bene per tre quarti, cedendo però di schianto nell’ultimo causa la totale anemia nel fare canestro dall’arco: finisce 57 a 42 per la Spem con un parziale di 19 a 5 nei 10’ finali. Se in difesa è stata una partita molto positiva, forse la migliore dell’anno, purtroppo la scarsa vena offensiva non ha capitalizzato quanto di buono fatto. Punteggio basso fin dai primi minuti, con gli ospiti che provano a correre senza concentrarsi solo sul tiro dalla distanza, mentre i padroni di casa si affidano a soluzioni interne, come prevedibile data la netta supremazia in fatto di chili sotto canestro. Il primo quarto si chiude sul +3 per Ravenna, le due squadre come detto faticano parecchio a trovare il cesto. Pochi minuti del secondo periodo, e la Spem allunga fino alla doppia cifra di vantaggio (25 a 12 al 15’). Sull’orlo del baratro, i Titans infilano tre bombe e trovano alcune buone soluzioni sotto canestro: complice una difesa tornata a livelli ottimali, riescono anche a chiudere avanti di un punto un quarto giocato nel finale in maniera splendida. Al ritorno dagli spogliatoi si mantiene, dal punto di vista dei punti segnati, il trend visto nei primi venti minuti: gli ospiti arrivano al massimo al +5 senza mai riuscire a scappare, Ravenna rimane lì ed al finire dei dieci effettua il sorpasso. Nell’ultimo periodo si materializza l’arma vincente dei padroni di casa: la zona. Ozzano risente della scarsissima vena dei suoi tiratori (alla fine sarà 4/22 dai 6,75) e pian piano lo svantaggio aumenta impietoso fino ai 15 punti che chiudono il match. Come detto, buona partita per 30’ rammaricandosi della media terrificante, per la prima volta quest’anno, al tiro.

FAVENTIA – GIALLONERO 71 – 67
Faenza: Ceroni 6, Graziani, Di Giulio 4, Dalle Fabbriche 4, Morsiani 28, Boattini 2, Liverani 6, Conti 12, Assirelli 2, Ercolani 7. All. Morigi.
Giallonero Imola: Pieri, Ciallatani 2, Pederzoli 12, Brusa 4, Cozzolino 5, Turrini, Sgatti, Bleci, Dal Monte 27, Sassi 17. All. Carletti.

RACOMEL – SERENA’80 59 – 65
(14-9; 30-28; 47-44)
Giardini Margherita: Benfenati 4, Marcelli 4, Ungaro 23, Vittori Antisari 4, Grandi, Carafa 4, Racanelli 5, Ferdeghini 7, Caridi, Baldazzi 8. All. Lanzi.
Serena’80: Samoggia 14, Maestri, Dettori 2, Rizzardi 16, Franceschini 11, Tacconi 3, Cappelli 8, Bernardoni 9, Brancaleoni 2, Di Pascale. All. Benini.

GARDENS – Match in costante equilibrio con minimi vantaggi da una parte e dall’altra nell’arco dei primi 35’, poi usciva fuori il Serena’80 che prendeva qualche lunghezza, ma, sul 59-62, Ungaro (il migliore dei Gardens assieme a Baldazzi) aveva la possibilità d’impattare dai 6,75; conclusione completamente errata e gli ospiti punivano dalla lunetta.

SELENE – BASKET’95 41 – 49
(14-12; 22-32; 31-36)
Sant’Agata sul Santerno: Villa 3, Filippi, D’Adamo, Sgalaberna 7, Simoni 12, Resta, Vannini 7, Baldrati 12, Casali, Crisà. All. Creti.
Basket’95 Faenza: Burbassi 5, Campanini, Romboli 10, Fabbri 6, Laghi 4, Cerini 2, Gallo 8, Pantani 7, Bombardini, Rosti 7. All. Tesei.

CASTEL SAN PIETRO – ISIS 62 – 66
(16-18; 30-38; 40-53)
Castel San Pietro: Cavalieri 6, Graziani, Montroni, Naldi 9, Manaresi 9, Conti 12, Malaspina 1, Gavelli 4, Albertazzi 5, Vinera 16. All. Martinelli.
Lugo: Scardovi 7, Vergani 9, Pasquali L. 8, Pasquali A., Mastrilli 7, Marchetti 3, Betti, Olivieri 26, Bazzocchi 6. All. Nieddu.

PARTY&SPORT – HORNETS 70 – 74
Party&Sport Ozzano: Rossi, Zerbini 13, Sabattini 8, Girgenti, Nisbet, Lazzari 11, Zocca 17, Zanaroli 7, Pierantozzi 10, Passatempi 4. All. Morigi.
Hornets San Lazzaro: Recchia 9, Lambertini, Palermo, Capra 23, Marchi 6, Casali 2, Zanarini 8, Bastia, Marchesi 7, Mengoli 19. All. Nannetti.

P&S – Prima o poi doveva succedere, è successo oggi; prima sconfitta della storia Party & Sport capitata proprio nel giorno del derby “dell’amicizia” con gli Hornets, squadra esperta e ben guidata che punisce tutte le disattenzioni difensive e gli sprechi offensivi dei ragazzi di coach Morigi. Non basta un superlativo Zocca coadiuvato dai buoni Sabattini, Lazzari e Pierantozzi per portare a casa il risultato anche se vanno salvati alcuni aspetti della partita tipo la capacità di reagire dopo un brutto passivo e di restare per l’ennesima volta in partita anche senza l’apporto del leader Zerbini martoriato dai fischi arbitrali non lucidissimi. Detto questo si spera che questa sconfitta, che non compromette per nulla un buon inizio di campionato, serva da lezione per lavorare meglio in palestra.

CLASSIFICA
Mattei Ravenna, Isis Lugo 6; Basket&Party Ozzano, Titans Ozzano, Serena’80 Bologna, Hornets San Lazzaro 4; Castel San Pietro, Selene Sant’Agata sul Santerno, Faventia Faenza, Basket’95 Faenza 2; Giardini Margherita Bologna, Giallonero Imola 0.

GIRONE F

BASKET 2000 – STELLA 50 – 49
San Marino: Liberti 14, Rossini, Briganti, Debiagi 10, Venturini 10, Guerra E. 4, Ugolini 3, Barsic 9, Guerra L., Raschi. All. Podeschi.
Stella Rimini: Pari 7, Montangesu, Gattei 7, Polverelli 2, Sacchetti 3, Accardo 1, Berlese 4, Ferrini 21, Foschi 2, Quartulli 2. All. Bonaccorsi.

CESENA – CATTOLICA 82 – 46
(25-23, 35-29, 57-40)
Cesena Basket 2005: Romano 5, Bauchiero 4, Marini 26, Soldati 13, Barbani 6, Testa 2, Mordenti, Ruscelli 15, Testoni 2, Senni F. 9. All. Senni P.
Sporting Cattolica: Fosca 4, Angeli 1, Luè Verri 8, Imperatori, Alberto 9, Del Prete, Lamonaca, Morelli 4, Cervellierri 14, Tamai 6. All. Lazzara.

AURORA – FIORENZUOLA 64 – 84
(20-28; 37-45; 50-63)
Aurora Forlì: Fumagalli 23, Baldini 7, Balzani 17, Mambelli 7, Giannetti 4, Catalano ne, Giovannini, Lombardi, Mazzoni 6, Ninoli. All. De Fanti.
Fiorenzuola Cesena: Zampa 7, Faggi 18, Maestri 23, Ricci 18, Morsucci 8, Neri, Buda 2, Biondi, Palazzi 4, Strada 4. All. Baraghini.

TIGERS – AICS 50 – 59
(16-17; 22-30; 40-43)
Villanova: Acciarini 3, Bronzetti 2, Cangini 9, Capanni 17, Giannoni, Guerra 3, Murattini, Rossi 8, Tomasi 5, Villa 3. All. Evangelisti.
Aics Forlì: Lasi 3, Turci ne, Naldi 5, Russo 17, Cortini 9, Maltoni 7, Mingozzi, Dall’Agata 3, Molinari 10, Montanari 5. All. Tinarelli.
TIGERS – Arriva con l’AICS Forlì la prima sconfitta stagionali per i Tigers di Coach Evangelisti, che pagano una disastrosa serata al tiro. Partita che sostanzialmente va punto a punto fino al trentesimo minuto (40-43) quando è il Forlivese Molinari a spingere avanti di otto lunghezze gli ospiti con quattro piazzati che tagliano le gambe alla difesa biancoverde. I Tigers ricuciono con Capanni (ancora una volta miglior marcatore con 17 p.ti) e si portano a quattro punti di distanza con 40” da giocare, quando, al termine dei 24” e dopo una infrazione di passi non sanzionata, Montanari trova il fischio che lo porta in lunetta per due liberi che freddamente segna riportando a +6 i forlivesi. Sul fronte opposto i Villanoviano sparano a salve una volta di più (chiuderanno con 2/19 da 3 e 10/22 ai liberi) e il carosello di falli e liberi finale premia gli esperti forlivesi.

SKIZZO – SPONTRICCIOLO 68 – 42
(14-15; 37-20; 53-33)
Skizzo Rimini: Saulle 5, Tamburini 3, Brolli, Bianchi 15, Ricciotti 11, Cappelli 4, Mantovani 4, Rizzo 17, Lanci 8, Apreda 1. All. Polverelli.
Spontricciolo Riccione: Salucci 10, Tentoni 3, Betti 4, Baldacci, Del Bianco, Contini 3, Yammine 11, Balducci, Masini 10, Magnani 1. All. Venturi.

ARTUSIANA – CRUSERI 68 – 47
(19-10; 34-27; 49-41)
Forlimpopoli: Rossi 15, Balistreri 17, Vandelli 2, Arfelli 10, Servadei 9, Berto ne, Benini ne, Calboli 5, Morabito, Picone 10. All. Bondi.
San Piero in Campiano: Pedini, Raspa 14, Ridolfi 6, Maioli 5, Marini 5, Ravaioli, Ballardini 14, Barbieri 3, Conti.

CLASSIFICA
Skizzo Rimini, Artusiana Forlimpopoli, Aics Forlì, Basket 2000 San Marino 6; Tigers Villanova, Cesena Basket 4; Stella Rimini, Fiorenzuola Cesena 2; SC Cattolica, Aurora Forlì, Spontricciolo Riccione, Cruseri Ravenna 0.

Ti piace questo articolo? Condividilo!