Radio Nettuno

Basket D – La Pallavicini doma in volata la Sampolese

1 Dicembre 2012
Basket D – La Pallavicini doma in volata la Sampolese

PALLAVICINI – PROJECT GROUP 77–76
(17-17; 45-38; 61-56)
Pallavicini: Tosiani 10, Cenesi 7, Asciano ne, Nanni G. 3, Pierantoni 5, Credi 33, Sgargi, Nanni M. 6, Bastia 4, Sterpi 9. All. Sampaoli.
Sampolese: Siani 4, Vacondio 11, Davoli ne, Margini 1, Pedrazzi 10, Minardi 2, Tondo 9, Cervi 14, Bizzocchi 17, Bytyqi 8. All. Immovilli.
Un episodio, un fallo (inesistente) fischiato a favore a rimbalzo ad un secondo dalla fine, ma anche una partita tutta sostanza, con un Credi devastante al tiro dalla lunga distanza (33 punti e 7 bombe). La Pallavicini si conferma una bella realtà del girone A della serie D e ferma una delle pretendenti al salto di categoria e cioè la Sampolese.
Il match è stato decisamente piacevole, nonostante la tanta zona usata (e abusata) dai reggiani. E pensare che l’avvio era stato al rallentatore, con le due squadre a quota 12 dopo otto minuti. Cinque punti di Bizzocchi sembravano aver dato l’inerzia agli ospiti (19-24 al 12′), ma Credi iniziava a mitragliare il canestro biancorosso e Cenesi, al 16′, firmava, con un arresto e tiro, il sorpasso (34-32). A cavallo dei due periodi centrali i bolognesi tentavano la fuga (47-38 e poi 50-40), ma un controbreak di 0-12, con la vecchia quercia Cervi che dava lezioni in post basso, ridava il sorriso alla Sampolese. Credi, però, era inarrestabile, ma sul 69-62, veniva espulso Sterpi per fallo di reazione e Siani, in contropiede, regalava il -2 (71-69 al 38′). Credi sembrava il miglior Kobe, ma, sul 76-70, ecco l’inimmaginabile: canestro annullato alla Pallavicini per una banale infrazione di linea, gioco da tre punti (alquanto fortunoso) di Bizzocchi, errore dalla lunga distanza allo scadere dei 24″ e, dall’altra parte, missile improbabile di Vacondio per il 76-76 a -15″. Ultimo possesso e tiro tentato dall’Mvp Credi, tagliafuori energico, ma tutt’altro che irregolare, di Tondo ed ecco il fischio che penalizzava i reggiani. Pierantoni, a -1″, falliva il primo libero, ma non sbagliava il secondo. Game over.
s.m.

Ti piace questo articolo? Condividilo!