Radio Nettuno

Baseball – L’UnipolSai cade e oggi in semifinale sfida Rimini

9 Giugno 2018
Baseball – L’UnipolSai cade e oggi in semifinale sfida Rimini

Lo scontro per decretare la vincitrice del gruppo B della prima fase della Coppa dei Campioni 2018 va al Neptunus Rotterdam che, grazie a 5 punti tra il sesto e il settimo inning, ribalto lo svantaggio di 4-0 contro l’UnipolSai Bologna e si impone per 5-4. In virtù di questo risultato, la Fortitudo, che non ha brillato difensivamente, commettendo diversi errori importanti, complice anche un campo non in perfette condizioni a causa della pioggia caduta in mattinata, affronterà nella semifinale di sabato 9 giugno, alle ore 15, il Rimini, che ha vinto il proprio girone grazie al successo ottenuto sull’Amsterdam. Alla sera, invece, il Neptunus Rotterdam se la vedrà contro il Rouen Huskies, che ha chiuso al secondo posto il gruppo A.
Pronti, partenza, via e l’UnipolSai Fortitudo passa subito in vantaggio. Con uno fuori, Lampe ottiene la base ball e ruba la seconda sullo strike out incassato da Marval. L’ex giocatore dell’Amsterdam ruba anche la terza e corre a casa sul doppio di Mazzanti ai danni di Saito, partente avversario. Mazzanti avanza poi in terza su lancio pazzo e segna comodamente il 2-0 sul singolo di Garcia. Dopo essere uscita bene da una situazione pericolosa al cambio campo (prima e seconda occupa-te con un out a tabellone), Bologna aumenta il proprio vantaggio al secondo inning. Grimaudo ottie-ne 4 ball, ruba la seconda e viene spinto in terza dalla rimbalzante in diamante di Maggi. Il singolo a destra di Lampe vale il 3-0. Dall’altra parte, invece, Andrea Pizziconi dimostra tutte le sue qualità, rendendo particolarmente complicato l’inizio di serata del Neptunus. Anche quando la difesa non è perfetta, come al quarto e quinto inning, con 2 errori difensivi, il partente felsineo si dimostra glaciale e fa battere gli avversari in doppio gioco in ambedue le occasioni. Nella sesta ripresa, la Fortitudo cerca l’allungo nel punteggio. Mazzanti guadagna una base per ball e pone fine alla prova di Saito sul monte di lancio, rilevato dal prospetto Casimiri. Il neo-entrato fa battere sugli esterni Garcia, ma poi incassa il doppio a destra da Vaglio. Con corridori in posizione punto, Grimaudo gira il primo lancio per la valida del 4-0. Il pitcher olandese mette poi strike out Dobboletta, mentre Grimaudo viene eliminato in seconda nel tentativo di rubare la base. Al sesto inning, i campioni in carica del Rotterdam ritornano prepotentemente nel match. Kemp batte un doppio al centro e avanza a 27 metri da casa base su un lancio pazzo. Il fortunoso singolo interno di Boekhoudt porta il risultato sul 4-1. Pizziconi riesce a mettere strike out Leonora e De Cuba, ma poi effettua altri 2 lanci pazzi, permettendo così al corridore di avanzare fino alla terza base. Muller batte poi il doppio del 4-2. È l’ultimo giocatore affrontato da Pizziconi, che viene rilevato da Cicatello. Il neo-entrato subisce la valida del 4-3 per mano di Collins, ma fa poi battere in diamante Piternella per l’out che chiude la ripresa. I padroni di casa completano la rimonta nell’attacco successivo. Con 2 eliminati, la difesa felsinea commette un altro errore difensivo sulla rimbalzante di Kemp. Boekhoudt e Leonora vanno in base per ball riempiendo tutti i cuscini. Entra quindi Pugliese per Cicatello, ma De Cuba trova la valida al centro per i punti del sorpasso. Sul 5-4 per il Neptunus, Muller batte poi in diamante per l’out che chiude l’attacco orange. L’UnipolSai non si scompone e crea i presupposti per impattare immediatamente il risultato. Marval riceve 4 ball dal neo entrato Clemensia, mentre Mazzanti batte valido a sinistra. Garcia sposta i compagni in posizione punto con un bunt. Sul monte di lancio sale così Schoemaker che fa battere un pop in diamante a Vaglio ed una linea sull’interbase a Grimaudo, chiudendo indenne la situazione. Al cambio campo, Collins va in base su ball e un’altra incertezza difensiva permette al pinch-hitter Daantji di arrivare salvo in prima. Pugliese si mette allora in proprio, mettendo strike out Koedijk e Kemp, dopo il bunt di sacrificio di van der Meer. Nell’ultimo disperato assalto, l’UnipolSai non riesce a impensierire la difesa avversaria. Il Neptunus Rotterdam si impone così per 5-4 e vince il girone B.

Ti piace questo articolo? Condividilo!